Aviatico

Blasonatura

D’azzurro, all’albero al naturale nodrito su di un monte di 6 cime d’oro (3,2,1), sostenente tre uccelli di nero; il tutto sinistrato da un cervo saliente d’argento. (DPR 11/5/1972, CONCESSIONE)

Note

L’elegante stemma di Aviatico, ideato dallo Studio Araldico di Genova e progettato ex novo, fu approvato in sede di consiglio comunale agli inizi degli anni Settanta del secolo scorso. Il significato dei simboli presenti nello stemma è riportato nella relazione storico–corografica allegata alla documentazione dell’istanza di concessione.

Secondo le intenzioni dello Studio, le figure mettono in risalto le caratteristiche geografiche del luogo e la storia del paese.

 

L’albero al naturale, cioè con i colori che avrebbe in natura, simboleggia i fitti boschi che circondano l’abitato di Aviatico; il termine araldico nodrito si riferisce all’albero che non mostra le proprie radici ma è ben piantato nella sottostante figura.

Il monte di 6 cime d’oro allude all’elevata posizione del paese; Aviatico, infatti, sorge oltre i 1.000 metri d’altezza, sulle pendici occidentali dei monti Cornagera e Poieto. I tre uccelli di nero richiamano l’etimologia del paese, che, secondo alcuni storici tra cui Plinio il Vecchio, sembra derivi da avium, parola di matrice ligure per indicare la presenza di uccelli rapaci; il loro numero rappresenta le frazioni del paese: Ama, Amora e Ganda.

Il cervo saliente d’argento, posizionato come se stesse scalando la montagna, allude alla fauna del luogo. Così composto, con le figure disposte in maniera elegante e rispettose delle regole, lo stemma fu approvato dall’Ufficio Araldico della Presidenza del Consiglio dei Ministri che non vi ravvisò anomalie araldiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su