Bedulita

Blasonatura

Partito: il PRIMO, di rosso, al semivolo d’argento, accompagnato in capo ed in punta da due fasce diminuite, ondate, dello stesso; il SECONDO, di azzurro, all’albero di betulla d’oro, nodrito nella pianura di verde, accompagnato nel cantone sinistro del capo dalla stella di cinque raggi, d’oro. (DPR 27/1/2012, CONCESSIONE)

Note

Il recente stemma di Bedulita, omaggio alle tradizioni del paese, approvato con delibera di consiglio comunale del 22 luglio 2011, presieduto dal neoeletto sindaco Marco Giuseppe Arrigoni, rievoca l’etimologia del nome del paese.

Fu elaborato dalla stessa amministrazione comunale, su indicazioni dell’Ufficio Araldico della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nello scudo partito, diviso in due campi da una linea verticale che parte dalla metà del lato superiore passando dalla punta, a destra, su fondo di rosso, il semivolo d’argento, termine araldico per indicare un’ala soltanto, si riferisce a san Michele Arcangelo, patrono del Comune; rammenta anche l’antica denominazione della località, nota come Santo Michel de Badulita. La figura è accompagnata in capo e in punta, in alto e in basso, da due fasce diminuite, ondate, dello stesso, cioè da due pezze ad andamento orizzontale, lievemente più piccole di una fascia ordinaria, dello stesso smalto del semivolo; fanno riferimento al torrente Imagna che divide il territorio Bedulita dal confinante Berbenno e all’abbondanza d’acqua del territorio.

Nel secondo campo, a sinistra, su fondo d’azzurro, l’albero di betulla d’oro è una chiara allusione al toponimo, derivato, appunto, da betulla; c’è riscontro, infatti, in alcuni documenti del 1219, di una località chiamata Bedulia. Lo stemma dunque è parlante, riferito al nome del paese, avvalorando la tesi secondo cui l’etimo deriva dal termine lombardo bedola e latino beduletas, bosco di betulle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su