Bracca

Blasonatura

Troncato: nel PRIMO d’azzurro alla montagna al naturale caricata dal tralcio di vite posto in palo, pampinoso di verde, fruttifero di due grappoli di nero; nel SECONDO d’argento alla fontana zampillante di azzurro. Sotto lo scudo, il motto, su lista bifida e ondulante d’argento, FONS AQUAE SALUTIS, in caratteri lapidari romani di nero. (DPR 11/10/1983, CONCESSIONE)

Note

Un primo progetto, ideato dallo Studio Araldico di Padova il 22 settembre 1939, risale a quando il Comune si chiamava Bracca di Costa Serina.

Con propria delibera del 16 marzo 1940, il podestà, Giovanni Felice Sfardini, adottò un emblema contenente una banda d’azzurro, su fondo rosso, una spiga di grano d’oro e un alberello sradicato.

Le motivazioni riprese dalla documentazione sono le seguenti: — non avendo avuto Bracca Costa di Serina storia propria dalla quale trarre un progetto araldico, questo si basa sulle caratteristiche agricole del luogo; ricordando negli smalti quelli del capoluogo di provincia. Il parere della Commissione Araldica Lombarda del 28 ottobre 1940 fu negativo: — se proprio non si vuole abbandonare il criterio della produzione locale, perché non soffermarsi sulla caratteristica più importante del luogo che è la sorgente di acqua minerale conosciuta come Fonte Bracca? Un secondo progetto, simile a quello attuale, comprendeva un troncato con inseriti una vacca e un monte per ricordare gli aspetti agricoli e l’altimetria del paese; nella parte inferiore su fondo d’oro trovava spazio uno zampillo d’acqua simbolo della famosa sorgente di Bracca. Questo progetto si fermò per gli eventi bellici.

Ripreso negli anni Ottanta con delle modifiche, inserendo al posto della vacca un tralcio di vite di uva nera, fu aggiunto su una lista bifida e ondulante il motto, in caratteri maiuscoli dell’alfabeto romano, FONS AQUAE SALUTIS, a conferma della presenza di acque termali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su