Fara Olivana con Sola

Blasonatura

Troncato da una fascia in divisa d’argento, ondata e ombrata d’azzurro; nel PRIMO d’azzurro a tre spighe di grano d’oro una accanto all’altra; nel SECONDO di rosso a tre pannocchie di granoturco d’argento ugualmente ordinate. (DPR 16/7/1971, CONCESSIONE)

Note

Il 7 novembre 1970 fu approvato lo stemma di Fara Olivana con Sola con delibera di consiglio comunale presenziato dal consigliere Giovanni Chiapparini, con delega del sindaco Carlo Boeri che era assente. Lo stemma, in uso da molti anni dal Comune, semplice nelle sue forme, rispecchia le caratteristiche peculiari del paese.

In una lunghissima e dispersiva relazione storico-corografica sono presenti le motivazioni: — lo stemma usato da molti decenni da Fara Olivana con Sola ricorda nelle spighe di grano e nelle pannocchie di mais i prodotti del suolo che sono la principale ricchezza del paese; nel fiume [nella fascia] il Serio che attraversa il comprensorio.

L’Archivio di Stato di Bergamo, con le parole del suo direttore Nicola Raponi, l’8 febbraio 1971 accolse lo stemma; apprezzò la documentazione allegata, ritenendola nel suo insieme ampia ed approfondita e trovò il progetto araldico sufficientemente originale ed espressivo delle caratteristiche del paese. Il troncato è diviso in due parti da una linea orizzontale, in questo caso da una fascia in divisa d’argento, cioè da una pezza ad andamento orizzontale di spessore più piccolo rispetto ad una fascia ordinaria; questa pezza presenta come caratteristiche delle sinuosità, ondata, e delle ombreggiature di azzurro. Nella prima parte, quella superiore, il fondo è d’azzurro mentre nella seconda è di rosso. La disposizione delle spighe di grano d’oro è la stessa delle pannocchie di granoturco d’argento, una accanto all’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su