Oltre il Colle

Blasonatura

Partito: nel PRIMO di rosso al monte all’italiana (3) uscente dalla punta, cimato da un piccone da minatore, il tutto d’argento; nel SECONDO di azzurro alla fontana d’argento zampillante dello stesso. (DPR 14/12/1956, CONCESSIONE)    

Note

Un primo progetto risalente al 1940, elaborato dallo Studio Araldico di Genova, adottato con propria delibera dal podestà Gino Tiraboschi il 16 febbraio 1940, prevedeva uno stemma complesso con molti elementi che rendevano confusa una sua interpretazione.

Nello scudo vi erano raffigurate le spade, a ricordo delle lotte contro Gian Giacomo Medici nel 1400, dei monti e un bue, rispettivamente alludenti all’altimetria del comprensorio e alla sua produzione zootecnica; e una fascia con il vecchio nome del Comune: Grimaldo. La Commissione Araldica Lombarda il 18 giugno 1941 lo bocciò completamente invitando il podestà a presentarne un altro nel quale siano rappresentati elementi particolari che anche il piccolo comune di Oltre il Colle può offrire se accuratamente o meno superficialmente ricercati.

Nel 1942, il 13 maggio, fu presentato analogo progetto, elaborato dallo stesso Studio Araldico: — il piccone d’argento, piantato su di un monte all’italiana, vuole ricordare i lavori di scavo nelle miniere di calamina, di piombo argentifero, che danno impiego a maestranze operaie del luogo; — la fontana simboleggia la locale sorgente di acqua minerale per curare le occlusioni, idropisia, e clorosi; ed ha principi salini e ferruginosi che vengono usati per bagni… Questo progetto si fermò per gli eventi bellici e fu ripreso soltanto nel 1956 con una nuova istanza del 23 giugno. Il direttore dell’Archivio di Stato di Milano, Alfio Natale, con una nota del 23 ottobre diede il nulla osta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su