Piario

Blasonatura

D’azzurro, alla sbarra d’argento, caricata dall’alabarda con l’asta scorciata, al naturale accompagnata in capo dal pino silvestre sradicato, di verde, e in punta dall’ape montante, d’oro. (DPR 17/5/1986, CONCESSIONE)

Note

Il Comune di Piario innalza uno stemma progettato e realizzato dallo Studio Araldico di Genova. Rispecchia le caratteristiche storiche e geografiche del Comune.

Diversi oggetti sono presenti nello scudo semplice e rispettoso delle regole araldiche.

Il primo, che allude al passato di Piario, ricorda le industrie di armi installate nel XV secolo nella zona; dove venivano prodotti i rinomati ferri per la Serenissima Repubblica di Venezia.

L’alabarda descritta al naturale, con i colori che le sono propri, è posta all’interno di una sbarra d’argento, pezza araldica obliqua che va dall’alto a sinistra al basso a destra, così da evidenziare l’importanza che questa industria ha avuto per il paese. La sbarra allude alla strada provinciale che lo attraversa.

Nella parte superiore dello scudo, su fondo d’azzurro, a destra, il pino silvestre sradicato, di verde, con le radici ben in mostra, è simbolo dei fitti boschi che costituiscono ancor oggi buona parte del territorio, in passato una vera ricchezza per l’economia locale. Infine, l’ultimo oggetto, in basso a sinistra, è rappresentato dalla figura di un’ape che giustificherebbe il nome del Comune; secondo i locali, non supportato da fonti certe, il nome deriva dal latino apiarium, luogo delle arnie.

L’ape montante, d’oro, rivolta verso l’alto con le ali aperte come se stesse volando, di certo è simbolo di nobile lavoro e di concorso al benessere della comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su