Sovere

Blasonatura

Troncato in sbarra da un filetto d’argento; il PRIMO di azzurro alla chiesa in prospettiva sinistrata dalla torre campanaria, il tutto al naturale con la base nascosta di verde; il SECONDO di rosso ad un ponte di pietra in sbarra a quattro arcate, la seconda aperta del campo e accostata da quattro pilastri (2, 2). (DPR 2/5/1963, CONCESSIONE)

Note

Predisposto dalla stessa amministrazione comunale, il 6 agosto 1961 il Comune di Sovere approvò lo stemma con delibera del consiglio comunale, guidato dal sindaco Giacomo Cattaneo.
Dalle prime righe della motivazione si legge che:
— preso atto della proposta della Giunta Municipale e come Sovere è documentato storicamente quale centro antico e rinomato nei fasti bergamaschi, e se ne parli in istrumenti curiali del 1088 e in altri del 1169, non- ché delle sofferenze del secolo XIV per i gravi danni subiti a cagione delle fazioni guelfe e ghibelline che infestavano l’Italia sovrapponendosi l’una all’altra in fratricide guerre. La chiesa di San Martino, fondata accanto alla vecchia torre medievale, e il ponte di pietra, costruito nel 1892, che unisce i borghi di San Martino e di San Gregorio, sono tutti elementi peculiari di questo paese.
La particolarità dello stemma è nel troncato in sbarra, cioè uno scudo diviso in due non da una linea orizzontale ma da una pezza araldica indicata col nome di filetto, ad andamento obliquo dall’alto a sinistra al basso a destra.
Quest’ultimo, di smalto d’argento, serviva per apporvi il motto latino ITER PARA TUTUM, la strada che porterà ad un futuro migliore, un auspicio benevolo ed evocativo dopo secoli di disgraziate e nefaste vicende.
Il parere dell’Ufficio Araldico della Presidenza del Consiglio dei Ministri fu positivo eccetto che per la scritta, che non trova giustificazione nel cenno storico–corografico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su