Spirano

Blasonatura

D’azzurro, all’antemurale d’argento mattonato, aperto, finestrato di due, merlato di cinque alla ghibellina e caricato in fascia della leggenda in caratteri di nero ASPERIANUM; uscente dal merlo centrale, il bastone del labaro romano d’oro, caricato dalle lettere in nero SPQR e sostenente una ghirlanda di foglie verdi con quattro crocette bianche di Sant’Andrea poste a riscontro, sulla quale è artigliata un’aquila al naturale dal volo spiegato. (DPR 19/10/1962, CONCESSIONE)

Note

È probabile, anche se non dimostrato da fonti certe, che in epoca romana esistessero in questi territori degli insediamenti rurali, come in tutta la Gera d’Adda; di qui, infatti, passava l’antica via Emilia che univa Milano a Bergamo attraverso Ciserano e Lurano.

Il paese, secondo le tradizioni, come accennato nella relazione storico–corografica, pare che sia stato fondato dagli Asperiis e chiamato in seguito Asperianum, come è evidenziato dalla leggenda caricata sulla porzione di antemurale, prima linea difensiva di una fortificazione, raffigurata nello scudo.

Per questo nello stemma civico è rappresentata un’aquila al naturale dal volo spiegato, nell’atto di spiccare il volo, artigliata sulla ghirlanda di foglie verdi sostenente il labaro con la scritta SPQR.

È certo che nel Medioevo la località fu impor- tante; lo testimoniano i resti dell’antico castello ghibellino dei Suardi; notevole anche il ruolo mili- tare di Spirano, che ebbe fortilizi e difese e fu circondato da un fossato e vigilato da cinque torri. Il 4 aprile 1962 il sindaco Angelo Gino De Agostini e il consiglio comunale approvarono lo stemma così delineato nei bozzetti approntati dallo Studio Araldico di Genova, ricavato da un’incisione del pittore Giuseppe Carnelli su una lastra di rame.

Il parere dell’Archivio di Stato di Bergamo fu positivo, il nulla osta arrivò dal direttore Nicola Raponi con lettera del 13 agosto 1962.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su