Zandobbio

Blasonatura

Partito: nel PRIMO, di rosso, alla torre d’argento, murata di nero, merlata alla guelfa di cinque, chiusa di nero con porta a sesto acuto, finestrata di uno dello stesso, con bifora a sesto acuto, essa torre fondata sulla campagna di verde; nel SECONDO d’azzurro, al tasso al naturale, fermo sulla campagna bandata d’oro e di rosso, accompagnato in capo dal sole orizzontale sinistro, d’oro, munito di due raggi ondeggianti e di un raggio e due semiraggi acuti (DPR 17/5/1989, concessione)

Note

Il Comune di Zandobbio innalza uno stemma, elaborato dallo Studio Araldico di Genova, che ricalca le caratteristiche storiche e paesaggistiche del paese.
Lo stemma partito, diviso in due da una linea verticale che parte dal punto mediano del lato superiore per raggiungere la punta, racchiude a destra, su fondo di rosso, la torre d’argento, simbolo del paese stesso, del suo nucleo e delle vicende feudali.
Zandobbio sorse nella parte bassa, gemmando da Trescore, da cui si staccò definitivamente nel 1333. Le caratteristiche araldiche della torre sono
descritte nella blasonatura: possiede una porta, una finestra e lo spazio tra le commettiture è di nero.
Nella seconda parte, su fondo d’oro la colonna di marmo di rosso al naturale vuole simboleggiare la produzione più famosa del paese: i suoi marmi
rosati ch’ornan palazzi e templi augusti.
Le montagne di Bergamo che si formarono a latitudini più meridionali delle attuali, furono sospinte in epoche recenti a nord, subendo così una notevole torsione, e furono interessate da pieghe, fratture e falde.
Le altre figure, le tre spighe di frumento d’argento, poste a ventaglio, vogliono ricordare la dedizione agricola di Zandobbio. L’anomalia araldica evidente è lo smalto d’argento che viene a coprire un altro metallo, l’oro, incorrendo nel grave errore di andare contro le regole che vietano di sovrapporre metallo su metallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su