Cene

Blasonatura

Di argento, all’aquila dal volo abbassato.

(IN USO DAL COMUNE)


Note

Il Comune nel passato utilizzò diversi stemmi. Nel libro Note storiche su Cene e Media Val Seriana di Ermenegilda Poli, era formato da strisce oblique di rosso e di argento. secondo lo storico Giovanni Zambetti nell’opera Memorie della Valle Cavallina del 1904, nell’emblema compariva un guerriero, appoggiato ad un’asta e abbracciante uno scudo; per Giovanni Battista Crollalanza nel Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notarili italiane estinte e fiorenti del 1890, nello scudo era presente una zucca. Nel 1963, l’amministrazione comunale presieduta dal sindaco Dante Gobbi deliberò l’adozione dello stemma comunale attuale con le seguenti motivazioni: — [nel]lo stemma che figura nel gonfalone proposto da questo Comune… vi campeggia in centro l’aquila ad ali aperte abbassate, in campo argenteo a forma di scudo appuntito, sormontato da una larga corona turrita e merlata.

Per una spiegazione si legge poco dopo: — l’aquila rappresenta il periodo storico in cui i popoli antichi, specialmente i Franchi, fecero di Cene un centro di potere e di difesa; la corona turrita e merlata non è solo simbolo di Comune, genericamente, ma in particolare simboleggia i tre castelli esistenti in Cene nel periodo del Feudalesimo, dei quali restano avanzi, denominazioni e documenti; — il ramo di quercia rappresenta la forza dei cittadini di Cene, forti in passato nel difendere il Comune e la Patria, forti al presente nella fervida attività del lavoro… La pratica, purtroppo, non ebbe seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su