Foppolo

Blasonatura

Di rosso, alla fascia ondata di quattro pezzi d’argento e di azzurro; al capo dello stesso caricato di un camoscio

al naturale e sullo sfondo profilati monti nevati al naturale.

 

(IN USO DAL COMUNE)


Note

Il piccolo Comune montano di Foppolo usa uno stemma che non è stato ancora approvato secondo i termini di legge e non è mai stato sottoposto a decreto di riconoscimento o di concessione.

Non risultano negli archivi storici di Milano e di Bergamo documentazioni e atti che rimandano ad un antico stemma. Non ci sono nemmeno delibere consigliari o indicazioni di incarichi presso studi araldici. Negli antichi stemmari, del Camozzi, del Michele Pagano e nello stemmario Gabinetto, nonrisultano delineazioni. L’unico documento di cui è in possesso il Comune è una brevissima relazione storico–corografica di una paginetta che non pare sia stata redatta dallo Studio Araldico di Genova. Sebbene la blasonatura presa dalla suddetta relazione sia precisa e adeguata nella descrizione degli oggetti presenti nello scudo, emergono invece delle perplessità sulla formazione araldica dello stesso. La parte rappresentativa più importante è relegata nel capo, la parte alta di uno scudo; di solito questa pezza onorevole è segno di concessione, di approvazione, di manifestazione di una fede politica o di uno schieramento. L’esiguità data dallo scarso spazio a disposizione non permette una disposizione congrua degli oggetti. La fascia ondata di quattro pezzi d’argento e di azzurro vuole ricordare la caratteristica topografica del paese, lambito da due laghetti, Moro e delle Trote; nel capo si vede il panorama del luogo, con i monti prospicienti; è stato aggiunto il camoscio, animale che vive in libertà nell’ambiente alpino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su